Lotteria scontrini, aderire o no ?

Lotteria scontrini, aderire o no ?

di Gabriele Varisco – Vicepresidente Partito Liberale Italiano Lombardia –

Doveva entrare in vigore a Luglio 2020 con obiettivo di aiutare il commercio locale, entrerà in vigore a breve.
Per i negozi è simile a una nuova tassa, ogni registratore di cassa deve essere aggiornato con una spesa fino a 200 euro, se il registratore di cassa è troppo vecchio va sostituito, con una spesa di almeno 500 euro.
Come ogni lotteria la possibilità di vincita, per il cittadino è una su 1 milione, per il commerciante è una spesa, un controllo maggiore.

Presentata come supporto al commerciante non è altro che uno strumento vessatorio aggiuntivo di controllo, perché l’evasione fiscale dell’IVA ogni anno, è stimata di circa 35 miliardi di euro che equivale al 26% non versato rispetto al 11% stimato europeo.
Quindi anziché abbassare l’IVA, diminuire le imposte si sceglie di far pagare al commerciante l’adeguamento tecnologico per aderire ( non è obbligatorio ) al sistema lotteria.
Ma se non aderisci, sarei probabilmente più controllato, sistema molto vicino al ricatto.

Per il cittadino significa registrarsi ad un portale, generare un codice ( simile al pubblicitario di Google ) che viene legato alla propria utenza, e comunicarlo al commerciante durante l’acquisto, sarà un codice alfanumerico o in codice a barre da salvarsi su smartphone o stampato.

Viene dichiarato da Agenzia Entrate che i dati raccolti saranno disaggregati e quindi il codice ed i suoi dettagli nell’acquisto non saranno legati al nominativo.
Già oggi ogni nostra azione in rete è totalmente tracciata da un ID che ogni interfaccia crea, sia Google, che facebook, tanto per esempio citarne solo alcuni, assegnano un ID alla nostra navigazione, dichiarando di non legarlo al nominativo, per conoscere, usare e vendere le nostre abitudini.
Noi siamo consapevoli di ciò e usiamo questi strumenti, ma attenzione, Facebook ha i suoi, Google ha i suoi, i gestori carte di credito i loro e questi dati non sono interscambiabili gratuitamente.

Con la lotteria nazionale noi permettiamo a Agenzia Entrate di conoscere nostre abitudini, nostri usi e consumi, sia pagando in contanti che con carta di credito, che con bancomat, permettendo così di creare una gigantesca banca dati, di nostri usi e consumi.
Il vantaggio nostro quale sarà ? Una probabilità su 1 milione di vincere qualcosa.

Nella navigazione in rete ho il vantaggio/svantaggio che ogni volta durante la mia navigazione mi verrà proposto solo oggetti e notizie legate alla mia profilazione online, e nell’acquisto locale invece ?

Dal mio punto di vista è no grazie, non parteciperò alla lotteria nazionale degli scontrini, non vedo nessun vantaggio per il cittadino.

Inculcare sempre di più l’idea che, solo il miraggio di soldi facili da vincere al gioco, possono risolvere i problemi di noi italiani non è costruttivo, è altamente deleterio, come lo è stato il reddito di cittadinanza.

Gabriele Varisco
Vicepresidente Partito Liberale Italiano Lombardia
Segretario provinciale Monza PLI
Consigliere comunale

CATEGORIES
TAGS
Open chat
Come possiamo aiutarti?