La vera grande pandemia.

La vera grande pandemia.

Ogni giorno, sui giornali ed in televisione, riceviamo da febbraio il bollettino di questa maledetta guerra con la conta di tutti coloro che purtroppo non ce l’hanno fatta, tanti anzi direi troppi.

Se la prima ondata ci aveva colti di sorpresa, la seconda ci ha trovati assolutamente impreparati, eppure la storia della spagnola, l’epidemia che portò via, dopo la prima guerra mondiale, circa 50 milioni di persone in tutto il mondo, ci faceva da maestra, indicando che vi sarebbe stata una seconda ondata con una maggiore aggressività e capacità virulenta.

Non avendo indicazioni delle direttive del comitato tecnico scientifico, non riusciamo a capire di chi è la responsabilità delle migliaia di morti di queste settimane.

Eppure le cose da fare non erano molte:
• potenziare le strutture delle terapie intensive (personale – materiali – strutture – ambulanze)
• evitare il contagio nei luoghi dove si sarebbe creato l’assembramento (scuole e trasporti pubblici)

Purtroppo il governo era troppo impegnato a fare altre cose o e sarebbe drammatico non è stato informato dal CTS, così quelle cose non sono state fatte se non con troppo ritardo.

Ma il problema è che questa pandemia ha messo in sordina tutte le altre cause di morte in Italia a partire dai tumori (180.085 decessi anno) a quelle del sistema circolatorio (232.992 decessi anno) che rappresentano il 62% dei decessi totali in Italia.

Ora in tutti questi mesi non si sono fatti gli screening, gli interventi, le visite, tutto quello che serve a prevenire queste due cause di morte.

Ed allora occorre prepararsi alla vera ondata di piena che colpirà amaramente il nostro paese.

Si stima un incremento di decessi, per la mancata prevenzione, pari ad un 10% in più rispetto alla normalità, che significano circa 60.000 perdite umane che si aggiungono alle circa 410.000 annue.

Il governo ha chiuso ristoranti e bar ma non ha chiuso la principale fonte di tumore ai polmoni che sono i negozi che vendono tabacchi, perchè? Semplice, perché il governo come un qualsiasi imprenditore privato sul fumo guadagna e guadagna tanto.

Mi auguro che il CTS abbia informato di questa nuova pandemia che si abbatterà silenziosamente negli ospedali e nelle case degli italiani.

Mi auguro che il governo, Sileri ne è informato, alla trasmissione Cartabianca ne ha parlato con preoccupazione, ma sarà ascoltato?

Occorre fare una forte pressione sul governo perché se ne inizi ad occupare già da subito visto i tempi biblici di reazione.

A me sembra che tutti guardino il dito che indica la luna, non vedendo la luna che splende chiara nel cielo notturno.

CATEGORIES
Open chat
Come possiamo aiutarti?