Gli obiettivi del PLI a proposito di PRESSIONE FISCALE

Gli obiettivi del PLI a proposito di PRESSIONE FISCALE

Non esiste rilancio dell’economia e della competitività che non passi dalla riduzione della pressione fiscale per favorire la ripresa dei consumi, gli investimenti e creare nuova occupazione.

Ormai improcrastinabile una vera riforma che preveda una drastica riduzione della pressione fiscale complessiva per tutelare i cittadini e le imprese dagli abusi mediante l’elevazione a rango di legge costituzionale dello Statuto del Contribuente.

Si può cominciare per gradi, ma l’obiettivo finale, quello che una volta raggiunto potrebbe scoraggiare realmente le aziende a delocalizzare sarebbe comunque una Flat Tax al 25% sul reddito imponibile al netto degli oneri deducibili.

Tale importante contrazione del carico fiscale è sostenibile utilizzando i risparmi connessi ad una consistente riduzione della spesa pubblica improduttiva e clientelare.

Parte del gettito fiscale perduto inoltre verrebbe recuperato da una naturale maggiore propensione alla disciplina tributaria, che disincentiverebbe drasticamente l’evasione.

Allo stesso tempo la coraggiosa riduzione del prelievo favorirebbe gli investimenti produttivi, le nuove assunzioni e la crescita.

Allo stesso tempo occorre semplificare il sistema delle imposte di consumo (IVA) unificando le aliquote prevedendo per i meno abbienti una compensazione con trasferimenti ad hoc.

E’ necessario abbattere le addizionali irpef regionali che gravano sui cittadini.

Inoltre occorre abolire gli studi di settore spesometro redditometro e prevedere un aumento della franchigia Irap da 13.000 ad almeno 30.000 euro.

 

Estratto da:
“Manifesto per una nuova rivoluzione liberale”
a cura del coordinamento organizzativo e dipartimenti della Lombardia
approvato dalla direzione regionale PLI Lombardia.

 

 

CATEGORIES
TAGS
Open chat
Come possiamo aiutarti?